Il fascino d’altri tempi di Copenhagen_quando la fiaba abbraccia la modernità Designed by Freepik

Il fascino d’altri tempi di Copenhagen: quando la fiaba abbraccia la modernità

Copenhagen è una città d’incanto. Seduce con il suo fascino il visitatore, lo ammalia con i suoi canali, castelli e parchi che ricordano il dolce retrogusto del passato. La trasgressione del sapore hippie di Christiania si sposa a perfezione con l’armonia dei colori delle case di Nyhavn, senza rinunciare affatto a quel tocco di modernità e design caratteristico della città.

Ciascuno dei suoi quartieri possiede una propria personalità ma ognuno di essi tutela l’ambiente. Multiculturale, vibrante e a misura d’uomo: è la città per eccellenza dove le auto cedono il passo alle biciclette.

Eppure nella capitale danese, se la sicurezza è quella di una tranquilla cittadina provinciale, l’effervescenza che emana è quella di una metropoli cosmopolita. La città vanta la presenza di una importante università, una ventina di teatri, più di quaranta musei, quattro orchestre sinfoniche e innumerevoli locali jazz, discoteche e locali notturni.

Ma pochi sanno che a mezz’ora da Copenhagen, a Kronborg, è ospitato il famoso castello di Amleto nel quale Shakespeare ambientò le vicende del principe della Danimarca. Ogni estate nella fortezza rinascimentale si svolgono opere shakespeariane, un’occasione unica per vedere artisti e interpreti di fama internazionale riunirsi in una scenografia d’altri tempi e unica nel suo genere.

 

Lo sapevi che?

Da Copenhagen si può raggiungere la Svezia in circa mezz’ora sfruttando il collegamento di Øresund, il ponte più lungo d’Europa? Lungo 15,9 chilometri, rappresenta una straordinaria opera di ingegneria, mettendo in collegamento Copenhagen e Malmö.

Autore dell'articolo: Bianca Imbrea-