Memoria e cibo - Designed by Freepik

Memoria e cibo: quali alimenti aumentano le prestazioni cognitive e quali ne rallentano l’apprendimento?

Ogni tanto fai fatica a ricordare le cose e ti sembra di perdere i colpi? Niente paura, la scienza ha dimostrato quali sono gli alimenti “amici del cervello” in grado di aiutare la memoria e di preservare dalle malattie. Il cervello, come ogni muscolo del nostro corpo, ha bisogno di essere allenato e non solo: anch’esso necessita di determinati nutrienti per operare in maniera efficiente.

Esistono cibi in grado di migliorare le funzioni cerebrali, come ad esempio gli antiossidanti, i sali minerali ed alcuni amminoacidi. È importante dunque non sottovalutare il potere di una buona alimentazione e nutrire, dunque, concentrazione ed apprendimento.

 

Alimenti consigliati

Dai “una scossa” alla tua dieta. Cereali integrali in chicco, mirtilli, ribes nero, salvia, frutta secca, curcuma, pesce azzurro, broccoli e cavolfiori, sono un supporto essenziale per la concentrazione e lo studio. Per aiutarti a ritrovare la concentrazione, Equilibra, linea specializzata nella produzione di integratori, ti offre una vasta gamma di supporto per la tua attenzione.

Coccolati con una buona tazza di thè verde, alimento purificante, drenante e antiossidante. Dulcis in fundo il buon cioccolato fondente, grazie ai flavonoidi, rappresenta un valido aiuto per far fronte alla perdita di memoria.

 

Alimenti da evitare

Gli alimenti eccessivamente calorici hanno un effetto negativo sulle molecole correlate con la capacità di apprendimento. Bisogna essere a conoscenza dei cibi da evitare o per lo meno da assumere con moderazione. Gli zuccheri sono la prima e principale causa dei disturbi della memoria, nonché dell’aumento del rischio di diabete e di malattie cardiache.

Autore dell'articolo: Roberta Furla-