Rice paddies

Vietnam, un viaggio tra presente e passato

Ancora oggi, se si pensa al Vietnam, nella nostra mente viene proiettata l’immagine della sanguinosa guerra che, quaranta anni fa ha travolto il paese socialista. Tuttavia ad oggi, il paese si presenta come un luogo suggestivo, straripante di storia, tra natura e spiagge bianche, pagode e splendide, distese di piantagioni di riso.

Ma cosa rende il paese unico nel suo genere? Sicuramente la forte dicotomia tra passato e presente, modernizzazione e inaspettata apertura verso il mondo contrapposte alla storia di questa antichissima civiltà risalente al IV secolo a.C. e sorta attorno al Golfo del Tonchino. La natura dominante e lussureggiante, invece, è quella dei lunghi tavolati che costeggiano il fiume Rosso e il fiume Mekong.

Un luogo incontaminato dove la giungla, caratterizzata soprattutto dalla presenza mangrovie, è ora protetta da svariati parchi naturali. Parliamo del Parco Nazionale di Con Dao e quello di Phong Nha-Ke Bang, dichiarato Patrimonio mondiale dell’Umanità dall’Unesco assieme alla Baia di Ha Long.

Ricordiamo il Santuario di My Son, con i suoi colori vivi e magici, considerato uno dei siti archeologici più antichi e stupefacenti e costruito in onore della divinità Shiva, il complesso dei monumenti di Hué e l’antica città di Hoi An. Quest’ultima, austera e caratterizzata da un’atmosfera vagamente francese porta con grazia la sua eredità coloniale è una delle città più pittoresche del paese.

Insomma, innumerevoli le ragioni per visitare il Vietnam e godersi una vacanza unica dove poter soddisfare all’insegna della curiosità e della natura incontaminata. E tu cosa aspetti? Basta un semplice click per prenotare: scegli Alpitour per organizzare la vacanza in anticipo e approfittare delle offerte Vietnam.

Autore dell'articolo: Roberta Furla-